La matematica 'smonta' il gioco d'azzardo

Un giovane Matematico dell’associazione Taxi 1729 di Torino ha incontrato 4 nostre classi quarte per fa loro scoprire i ‘segreti’ del Gioco d’azzardo, che si basa sul caso (non è prevista nessuna abilità nel giocatore) ma non è certo studiato ‘a caso’.

Trappole mentali, inganni cognitivi e calcoli statistici: il meccanismo del Gioco d’azzardo è ben studiato. E pure ben oliato, se si pensa che l’Italia ha la spesa pro capite tra le più alte al mondo (è la seconda nella classifica planetaria). Dal 2003 ad oggi la spesa complessiva di chi mette soldi su videopoker, schedine, grattini, è passata da 23 miliardi di euro a più di 102 miliardi di euro. Non perché ci sia stata la crisi (altri Paesi l’hanno vissuta senza vivere la crescita del Gioco d’azzardo) ma perché è aumentata l’offerta di gioco a dismisura.

Attraverso una simulazione sulle schedine del Win for Life, il Matematico ha fatto ‘vivere’ il calcolo delle probabilità agli studenti, sulla loro ‘pelle’: 20 numeri in schedina, 10 numeri estratti in modo casuale, si vince se ne escono 1,2,3,4,8,9,10 e pure se non ne esce nessuno. Si vince qualcosa che possiamo immaginare: una rendita mensile di 3 mila euro al mese per 20 anni. E allora dove starebbe il trucco? Si perde quando escono 5,6,7 numeri: che sono – guarda a caso – le possibilità con le più alte probabilità di uscire. Attenzione ragazzi: tra vincita ‘possibile’ e vincita ‘probabile’: c’è una bella differenza!!!!

Volete giocare? Siate consapevoli che vi stanno prendendo per il naso, con la scusa del caso.

Grazie a #Salvatore Briffi del Sert dell’Ausl Distretto di Fidenza (100 circa le persone seguite dipendenti da gioco d’azzardo patologico) per aver proposto questo Talk, a #Olmo Morandi di #Taxi 1729 che ha tenuto gli studenti avvinti a ragionamenti su statistica e matematica, alla Commissione Legalità che ha portato lo spettacolo dentro al Berenini e alla dirigenza scolastica che lo ha consentito.

 


Pubblicata il 01 ottobre 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.